Uno sguardo sul futuro: la E-CMR

La E-CMR è la versione digitale della lettera di vettura internazionale per i trasporti su strada delle merci. La sua introduzione segnerà un momento di svolta che comporterà una completa digitalizzazione di uno dei documenti più importanti nel mondo logistico. 

Dopo anni di attesa, finalmente nel 2022 anche l’Italia è divenuta un protagonista attivo nel processo di digitalizzazione grazie all’approvazione del Consiglio dei Ministri del Disegno di Legge relativo all’adesione del nostro paese al Protocollo addizionale alla Convenzione CMR per l’utilizzo della lettera di vettura elettronica.

Ad oggi la E-CMR  è stata ratificata in ben 31 paesi, compresa l’Italia, la quale vi ha aderito nell’aprile 2022 subito dopo la Germania. L’adesione ha rappresentato un traguardo importante per il nostro paese, in un momento di lenta ripresa a seguito del complesso periodo covid. 

Molto probabilmente il passaggio da CMR cartacea a E-CMR dovrà essere graduale e non repentino, si prevede infatti, una coesistenza almeno iniziale di entrambe le forme. Le maggiori difficoltà nell’introduzione di questa modalità digitale saranno legate da un lato alla mancanza di infrastrutture digitali a sostegno dello sviluppo su larga scala di questo strumento e dall’altro lato all’avversione da parte di molti operatori del settore all’introduzione di un documento a loro non familiare. 

Nonostante ciò l’E-CMR non può che rappresentare il futuro in un mondo in cui efficienza e sostenibilità sono concetti chiave.

Ironlog: Il futuro è già qui

Ironlog, sotto questo punto di vista ha da sempre dimostrato una forte attenzione alle innovazioni e al miglioramento dei processi. Ad oggi nei nostri magazzini, abbiamo adottato il WMS, un sistema di gestione del magazzino open source. L’uso del WMS ha reso possibile implementare processi innovativi e in un futuro non troppo lontano consentirebbe di poter elaborare e processare, senza troppe difficoltà,  l’introduzione di un sistema così innovativo come la E-CMR. L’adozione di questo processo andrebbe a semplificare il flusso di ricezione del documento, ad eliminare eventuali problematiche legate a dati errati, mancanti o illeggibili e segnerà l’adozione di una soluzione sostenibile, tema estremamente importante nella nostra realtà aziendale. 

Condividi articolo su: